1

rubrica manini biciclette

VCO- NOVARA- 22-09-2020-- Il primo appuntamento

della rubrica dedicata alle due ruote di Vittorio Manini, che riguarda ruote tassellate MTB e non, elettriche o muscolari, senza pregiudizi alcuni, riguarda l'alpe Devero e i suoi sentieri.  Nel grande est della conca antigoriana, si sviluppa l'itinerario che per la sua complessità è da considerarsi per bikers esperti, soprattutto in discesa. Si parte dall'auto al parcheggio (a pagamento) dell'alpe Devero, arrampicandosi fino a Crampiolo, poi Codelago, Spigher e alpe Forno. Anche in salita c'è da prestare molta attenzione, si tratta di una strada sterrata con esposizione su fiumi e valli, presentando anche pendenze da "Mortirolo" negli ultimi tratti finali prima dell'alpe Forno, a 2222 mt di altitudine. 

La discesa poi comincia con una sinuosa linea nei prati, mangia e bevi, sino all'alpe Satta, dove ufficialmente iniziano i fuochi d'artificio. Un sentiero strapiombo con molti ostacoli naturali e non, con il settore più tecnico nella sottostante parte dell'alpe Della Valle fino al lago di Codelago. Poi rientro a Devero poi da uno dei numerosi sentieri presenti.  Inutile dire credo che è bene essere allenati e accompagnati da guide esperte se non si conosce il territorio. Rispettate le regole vigenti e moderate la velocità... Qua la difficoltà è nella parte lenta ma succosa!  Buona pedalata 

Viman

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.