1

polizia auto fronte cofano

NOVARA - 06-07-2017-  E' stato arrestato con l'accusa di furto aggravato di energia elettrica e per il reato d'incendio il gestore di un minimarket di viale Manzoni.
Ieri mattina, dopo un'udienza per direttissima, il gip di Novara ha convalidato l'arresto dell'uomo, di origine indiana: per lui, ha stabilito l'obbligo di firma trisettimanale ed è stato diffidato dal Questore di Novara. Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Novara, sono intervenuti, insieme a Vigili del Fuoco e Polizia Scientfica, venerdì mattina in un minimarket gestito da cittadini indiani, dove era stato segnalato un incendio. Subito è stata accertata la natura dolosa dello stesso, con elementi riconducibili ad un probabile coinvolgimento del titolare del negozio. Su una scala che porta allo scantinato del negozio sono infatti state trovati cubetti di "diavolina", mentre in uno dei locali adibiti alla vendita, erano presidenti alcune cataste di mobili di legno. Dopo aver ascoltato alcuni testimoni, gli agenti della Squadra Mobile hanno rintracciato l'uomo, gestore del negozio e marito dell'intestataria. Incalzato dalle domande, e viste le palesi incongruenze del suo iniziale racconto, ha quindi ammesso la propria responsabilità, affermando di aver tentato di incendiare il negozio per intascare il premio assicurativo, gonfiando il valore della merce presente. L'uomo aveva posizionato degli inneschi anche al piano terra, accanto ad una derivazione elettrica: se non fossero intervnuti prontamente i Vigili del Fuoco, l'incendio avrebbe potuto propagarsi al resto della palazzina. Non solo. E' stato inoltre scoperto che il negozio, al quale era stato bloccato da tempo il contatore dell'energia elettrica per morosità, era allacciato in maniera fraudolenta alla linea elettrica.

(N.C)

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.