1

App Store Play Store Huawei Store

vaccinazioni foto

NOVARA -27-10-2017 - Partirà ufficialmente il

prossimo 6 novembre la campagna vaccinale antinfluenzale 2017/2018 dell'Asl No. Obiettivo: prevenire le conseguenze più gravi di questa malattia, visto che la vaccinazione è il mezzo più efficace e sicuro di prevenzione. La campagna è stata presentata alla stampa da: Adriano Giacoletto (direttore generale Asl No), , Aniello Esposito (direttore Sisp Asl No), Laura Poggi (direttore S.c farmacia territoriale Asl No), Franco Fanchiotti (presidente Associazione titolari di farmacia delle province di Novara e Vco), Savio Fornara (medico di medicina generale) e Norberto Dalloni (pediatra di libera scelta). Lo scorso anno nel Novarese sono state somministrate complessivamente 54.298 dosi di vaccino antinfluenzale (+4,12% rispetto all'anno precedente).  La vaccinazione  è gratuita per le persone dai 65 anni di età, e per coloro che soffrono di malattie croniche ad alto rischio di complicazioni. E' inoltre garantita alle donne che sono nel secondo/terzo trimestre di gravidanza durante la stagione epidemica di influenza; al personale di assistenza o ai contatti familiari di soggetti ad alto rischio; alle persone addette ad attività lavorative di particolare interesse collettivo (vigili del fuoco, polizia, insegnanti, ecc.); alle persone che per motivi di lavoro sono a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani. La novità di quest'anno, è la possibilità per i 65enni (solo quindi coloro nati nel 1952), di vaccinarsi contro lo pneumococco: il vaccino sarà proposto dai medici curanti e potrà essere somministrato al momento dell'antinfluenzale o in un altro momento.  A distanza di un anno, in questo caso, dovrà essere effettuato un richiamo vaccinale, per una copertura a vita. Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, insieme ai farmacisti, che consegneranno loro i vaccini, saranno impegnati anche in attività di informazione e sensibilizzazione verso i pazienti. Dall'Asl, inoltre, si ricordano le più comuni regole di prevenzione dalle malattie di raffreddamento, quali quella di lavare frequentemente le mani con acqua e sapone, coprire la bocca quando si starnutisce o tossice, utilizzare preferibilmente fazzoletti usa e getta, e, soprattutto, in caso di influenza, restare a casa, bevendo frequentemente spremute e succhi di frutta e verdura. (N.C)

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.