1

impalcatura

TORINO -14-03-2019 -  “Per la seconda

volta il Piemonte non beneficerà di contributi statali per interventi di messa in sicurezza degli edifici e del territorio. Come se non bastasse la beffa del primo bando, del quale hanno potuto beneficiare solo due comuni piemontesi, apprendiamo con stupore e rammarico che il Piemonte è sempre più isolato. Tutti i Comuni piemontesi sono esclusi dalla seconda graduatoria del Viminale. È una situazione intollerabile, che deve essere rivista”. Commentano così il presidente di ANCI Piemonte Alberto Avetta e il vicepresidente Gianluca Forno, coordinatore Piccoli Comuni e Unioni di Comuni dell’associazione, l’annuncio del decreto, in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che individua gli Enti beneficiari del contributo, per gli interventi di cui all’art.1 comma 853 e seguenti della legge n. 205 del 27.12.2017. “È inammissibile che, nonostante le nostre ripetute e insistenti richieste di intervento, ancora una volta vengano esclusi dalla graduatoria tutti i Comuni meritevoli, tra cui quelli piemontesi. E non è nemmeno concepibile che in cima alla graduatoria figurino enti che, per responsabilità o circostanze sulle quali non intendiamo minimamente sindacare, hanno maturato nel tempo disavanzi milionari. Riteniamo che i Comuni virtuosi vadano premiati e faremo sentire la nostra voce in ogni sede. Altrimenti, di questo passo, anche il terzo bando ci riserverà brutte sorprese. I sindaci non ci stanno, il governo riveda la situazione al più presto”, concludono Avetta e Forno.

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.