1

magazzino furti

NOVARA – 08-05-2019 - Colpiva in tutto

il Nord Ovest il sodalizio criminale specializzato in furti e ricettazione che è stato smantellato dal Reparto Operativo del Comando Provinciale di Novara. La loro base era in due capannoni di Legnano e Trezzano sul Naviglio dove immagazzinavano pezzi di autovetture rubate come in un vero deposito di pezzi di ricambio. Portiere, ammortizzatori, blocchi motore: tutto suddiviso per tipologia e per marchio. Puntavano le autovetture rubandole con sistemi sofisticati, come la clonazione dei telecomandi automatici a distanza, per poi smantellarle pezzo per pezzo.

L’individuazione dei magazzini dove le macchine dI media-alta gamma venivano cannibalizzate è solo uno dei tanti risultati dell’operazione “Ultima” presentata alla stampa oggi, mercoledì 8 maggio, dai Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Novara. L’attività investigativa è partita sul territorio novarese nell’ottobre del 2017 a seguito di sette arresti per furti in abitazione che avevano riguardato anche Novara città e i comuni di Galliate e Trecate.

“Si tratta di una costola delle precedenti operazioni Mtshketa e Prometeo che nel 2016 e 2018 avevano già portato all’arresto di 86 persone sempre per reati contro il patrimonio” ha spiegato il tenente colonnello Sandro Colongo, comandante del Reparto Operativo, che ha coordinato l’operazione. “Un’indagine molto faticosa, fatta anche di pedinamenti ed inseguimenti – ha sottolineato il colonnello Domenico Mascoli, comandante dei Carabinieri di Novara – che ha portato a risultati di rilievo non solo per il territorio novarese ma per l’intero Nord Ovest”.

Un primo filone investigativo ha fatto finire in manette 24 uomini, prevalentemente di origine albanese, che operavano in 7 distinte “batterie” per compiere furti in abitazione in tutto il Nord Ovest. Un secondo filone ha portato all’arresto di tre persone trovate in possesso di abbigliamento di marca, computer e profumi (merce dal valore complessivo di circa 1 milione e mezzo di euro) proveniente da furti in negozi e magazzini di logistica. Infine, l’operazione è stata completata con il fermo delle cinque persone che formavano una “squadra” di ladri di auto che operava in Lombardia e Piemonte per poi “cannibalizzare” le vetture. Anche in questo caso qualche furto era stato perpetrato anche a Novara.

La refurtiva complessivamente rinvenuta nell’operazione “Ultima” vale all’incirca 2 milioni 200 mila euro ed è già stata completamente restituita ai legittimi proprietari, per quanto possibile riconoscere e rintracciare.

 

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.