1

medico cartella

NOVARA – 14-05-2019 – Sabato 18 maggio

seminario dell’Ail per pazienti e medici sulle malattie mieloproliferative croniche PH-. Al centro dell’incontro, che sarà suddiviso in tre aule tematiche dedicate ci le terapie disponibili e le prospettive per il futuro per il trattamento delle MMP Ph-, cioà quelle malattie che colpiscono le cellule staminali emopoietiche che, presenti nel midollo osseo, danno origine a tutte le componenti del sangue. Tra queste ci sono, ad esempio, la policitemia vera, la trombocitemia essenziale e mielofibrosi idiopatica e primaria. Nel seminario si parlerà di nuovi anticoagulanti, problematiche cardiologiche, tossicità dermatologica, gravidanza e fertilità nelle neoplasie mieloproliferative croniche. Sul fronte delle terapie diversi sono stati i successi raggiunti grazie alla ricerca ultimamente, a cominciare dalla scoperta della mutazione del gene JAK2. L’incontro si terrà presso l’hotel Europa di Novara a partire dalle 10 ed è organizzato dall’AIL – Associazione Italiana contro le Leucemie, i linfomi e il mieloma e dal Gruppo AIL Pazienti Malattie Mieloproliferative Croniche PH-, con il patrocinio della Fondazione GIMEMA e della Rete Oncologica Piemonte - Valle d’Aosta. Tra i relatori ci saranno Rosalba Barbieri Pisani, presidente Ail Novara, ed Andrea Patriarca dell’Ematologia del Maggiore di Novara. Parte dell’incontro sarà curato dal Gruppo Ail Pazienti MMP Ph- e Rete Piemontese MPN Ph- che da anni permettono a pazienti e famigliari di condividere dubbi ed incertezze sul percorso della malattia. La partecipazione al seminario è gratuita ma occorre registrarsi inviando una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonando al numero 06/70386059.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.