1

romentino coldiretti

ROMENTINO - 29-10-2019 - Sono stati numerosi i partecipanti all’incontro e al mercato di Campagna Amica, organizzati domenica da da Coldiretti Novara – Vco in collaborazione con il Comune di Romentino, per celebrare i 75 anni dell’organizzazione, nel paese che ha dato i natali al suo fondatore Paolo Bonomi. L’incontro si è chiuso con un pranzo a cura della Pro Loco.

A fine ottobre del 1944, 75 anni fa, nasceva la Coldiretti. Un sindacato che ha combattuto molte battaglie, portate avanti in prima persona dal suo fondatore e per lungo tempo presidente Paolo Bonomi, nato nel 1910 a Romentino, piccolo paese in provincia di Novara. La sua figura è stata ricordata nel corso dell’incontro svoltosi  nel paese natale alla presenza del Presidente di Coldiretti Piemonte Roberto Moncalvo, del delegato confederale Bruno Rivarossa, della Presidente di Coldiretti Novara – Vco Sara Baudo e del Sindaco di Romentino Marco Caccia. Grazie al giornalista Nunzio Primavera, autore del libro “La gente dei campi e il sogno di Bonomi. La Coldiretti dalla fondazione alla Riforma Agraria”, si sono ripercorsi i passaggi fondamentali della storia e delle lotte di Bonomi, arrivando fino alla Riforma Agraria, che lo stesso Presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo ha definito “la più grande redistribuzione della ricchezza di un Paese occidentale”.

“La giornata ha avuto un esito molto positivo grazie al buon numero di persone presenti nel pubblico, agricoltori, soci e cittadini della zona che hanno voluto partecipare”, commenta Sara Baudo, Presidente di Coldiretti Novara – Vco, “Dobbiamo ringraziare anche i produttori del mercato di Campagna Amica che hanno animato la piazza per tutto il giorno e l’amministrazione comunale che ha dato il primo impulso per la realizzazione di questi momenti di celebrazione e ci ha concesso gli spazi. Le autorità presenti hanno poi dato grande importanza a questo momento di incontro, in primis il Presidente Roberto Moncalvo, che ringrazio per la sua presenza, così come Nunzio Primavera, che ha ricostruito con passione e interesse una storia legata al nostro territorio ma anche a tutta l’Italia. Non voglio dimenticare di ringraziare tra i presenti anche la delegazione di Coldiretti Vercelli – Biella con il presidente Paolo Dellarole, i sindaci e gli assessori e il delegato confederale Bruno Rivarossa. La speranza è che il nostro territorio continui a tenere al centro del dibattito quelle che sono le nostre radici, l’agricoltura, le produzioni tipiche e il lavoro instancabile e appassionato dei nostri coltivatori diretti”.

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.