1

orchestra vito lo re

NOVARA -03-11-2019 - "Parla" un po' novarese

  la colonna sonora del film in questi giorni nelle sale cinematografiche “L’uomo del labirinto”, del regista e scrittore Donato Carrisi, tratto dal suo omonimo best-seller. Un cast d’eccezione: Toni Servillo nei panni dell’investigatore privato Bruno Genko, Dustin Hoffman in quelli del profiler dottor Green, Velentina Bellé e Vinicio Marchioni.


La colonna sonora, infatti, è stata composta da  Vito Lo Re, milanese di origine ma novarese d’adozione. "Ogni colonna sonora ha il suo concetto e a partire da quello la musica cerca di esprimere l'idea visiva ed estetica del regista. Più il regista è perfezionista, più il lavoro del compositore diventa estremamente impegnativo e allo stesso tempo soddisfacente - dice Lo Re - In particolare nel genere thriller, ci sono diversi compositori la cui influenza è innegabile: Bernard Hermann, Jerry Goldsmith, James Newton-Howard, Howard Shore e John Ottman, tra gli altri. Questo è il mondo musicale in cui mi sono trasferito senza mai dimenticare una tipica cantabilità italiana che genera temi forti in grado di legarsi indissolubilmente al film”.


“Ho usato diversi sintetizzatori insieme all'orchestra, in particolare per tirare fuori il mistero del labirinto - continua Lo Re - Ma quando abbiamo bisogno di descrivere un personaggio, non c'è niente di meglio dell’orchestra. Nessun suono campionato potrà mai fare lo stesso lavoro di 75 persone che respirano e suonano insieme. Anche se potrebbe essere tecnicamente più perfetto, mancherà sempre l'anima".

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.